Cerca
  • Italia Atlantica

Comprendere la politica di Donald Trump e il confronto con l’Iran oltre la disinformazione

di Paul Coyer

Versione originale in “Conflicts” del 1 Agosto 2019

https://www.revueconflits.com/paul-coyer-iran-accord8813-2/

Traduzione di Bepi Pezzulli

Riproduzione esclusiva per l’Italia - Italia Atlantica


Non è esagerato dire che molti dei commenti attuali ritraggono Donald Trump come la fonte di quasi tutto il male nel mondo di oggi. Per quanto riguarda l'Iran, in particolare, si tende a ritrarre il Potus come la causa dell'ostilità dell'Iran verso gli Usa e gran parte del mondo esterno, e il suo ritiro dal JCPOA (il Joint Comprehensive Plan of Action, l'accordo nucleare del 2015 con l'Iran) come un altro presunto esempio di Trump che mina l'ordine internazionale che Washington DC ha formato e guidato dopo la seconda guerra mondiale. Questo è sbagliato. Dall'inizio della Rivoluzione islamica, l'Iran è stato il più grande sponsor statale del terrorismo nel mondo e, mentre l'instabilità e vari mali hanno a lungo afflitto il Medio Oriente, l'Iran è stato chiaramente tra i maggiori contribuenti alle dinamiche negative della regione negli ultimi quarant'anni. Inoltre, bisogna riconoscere che l'iniziativa dell'amministrazione Obama che ha portato alla firma del JCPOA è stata un brusco allontanamento da diversi decenni di coerente politica americana bipartisan sulla non proliferazione - una politica alla quale l'amministrazione Trump sta ritornando.

Le ragioni per cui Donald Trump si è ritirato dalla JCPOA di Barack Obama riflettono la marea di critiche rivolte all'accordo nel momento in cui è stato negoziato, critiche alle quali Trump ha fatto eco. William Tobey dell'Università di Harvard ha definito l'accordo una mera "riduzione di velocità" sulla strada dell'Iran verso un'arma nucleare, sostenendo che il mondo ha concesso troppo in cambio di troppo poco, rallentando in ultima analisi, senza fermarla, solo leggermente, la spinta di Teheran verso un'arma nucleare. Allo stesso modo, il Centro per le valutazioni strategiche e di bilancio ha notato che l'accordo "concede una capacità di arricchimento troppo grande; clausole di scadenza troppo brevi; un regime di verifica troppo permeabile; e meccanismi di applicazione troppo sospetti", e permetterebbe all'Iran di "saltare facilmente alla bomba senza rischiare di essere scoperto tempestivamente". Gli analisti del Centro hanno poi testimoniato davanti al Senato Usa che "questo accordo metterà l'imprimatur della comunità internazionale e degli Stati Uniti d'America su un programma di arricchimento su scala industriale che lascerà l'Iran - anche se i limiti negoziati di arricchimento sono scrupolosamente rispettati - alla soglia della capacità nucleare alla scadenza delle varie disposizioni", notando, insieme agli ex segretari di Stato americani Henry Kissinger e George Schultz e a numerosi altri, che "questo accordo sovverte quasi 50 anni di politica di non proliferazione statunitense".

Per quanto riguarda il test dei missili balistici, che è stata una delle principali preoccupazioni degli Usa nel corso dei negoziati, uno specialista del Consiglio nazionale di politica estera ha osservato che "in qualche modo, nella fretta di raggiungere un accordo accettabile per l'Iran, il linguaggio antimissile è stato annacquato fino al punto di essere irrilevante". E un gruppo di studiosi ha scritto sulla rivista Foreign Affairs alla fine del 2015 che la JCPOA "è uno degli accordi di controllo delle armi più carenti della storia" - proprio il tipo di affermazione per cui Donald Trump è stato regolarmente criticato.

Come ha osservato Michael Mandelbaum della Johns Hopkins University quando è stato firmato il JCPOA, l'accordo dell'amministrazione Obama ha abbandonato la "politica di proibire la diffusione della tecnologia di arricchimento anche a governi democratici amici (...) di conseguenza, sarà estremamente difficile da ora in poi impedire ad altri paesi, in un primo momento in Medio Oriente, ma alla fine altrove (…) di dotarsi della capacità di arricchimento".

Trump ritiene, come molti professionisti della sicurezza nazionale quando il JCPOA è stato negoziato e firmato dall'amministrazione Obama, che l'accordo sia molto dannoso piuttosto che vantaggioso per gli interessi di sicurezza a lungo termine sia americani che europei. Trump ritiene inoltre, come ha chiarito fin dall'inizio della sua campagna per la presidenza, che l'amministrazione Obama sia stata nel migliore dei casi ingenua sulla natura del regime iraniano e, nel peggiore dei casi, complice nell'aiutare Teheran a rafforzare la sua capacità di destabilizzare la regione e sostenere il terrorismo internazionale. Ci sono molte prove a sostegno di questa tesi. Da quando l'amministrazione Obama ha lasciato il suo incarico, sono emerse notizie da diverse fonti che illustrano la profondità dei problemi con la gestione dell'Iran da parte di Obama, tra cui una relazione della sottocommissione permanente per le indagini del Senato che, mentre l'amministrazione Obama aveva promesso al Congresso che se il Congresso non avesse cercato di bloccare la JCPOA (c'erano forti maggioranze contrarie all'accordo sia alla Camera che al Senato), l'amministrazione Obama si sarebbe assicurata che l'Iran non avesse accesso al sistema finanziario statunitense. Il rapporto del Senato ha rilevato che, contrariamente a queste assicurazioni, il Dipartimento del Tesoro americano di Obama ha rilasciato una licenza speciale che dà a Teheran l'accesso a miliardi di dollari di beni congelati, nascondendo questo fatto al Congresso e al pubblico americano.

Inoltre, Ben Rhodes, vice assistente di Obama per gli affari di sicurezza nazionale, in seguito ha ammesso di aver ingannato intenzionalmente i giovani membri del corpo stampa della Casa Bianca, che avevano poca o nessuna esperienza o conoscenza internazionale ed erano molto simpatici all'amministrazione Obama, allo scopo di creare una un'eco positiva sui media per vendere l'accordo ad un pubblico critico e al Congresso. Guardando all'impatto negativo dell'accordo sul terrorismo globale e sul narcotraffico, un'indagine pubblicata da Politico ha rivelato che l'amministrazione Obama ha interrotto un'indagine massiccia e lunga anni della Dea (Drug Enforcement Agency) e ha bloccato l'azione penale contro gli attori di Hezbollah coinvolti nel terrorismo internazionale e nel narcotraffico per non offendere Teheran, rafforzando la percezione di voler raggiungere un accordo a qualsiasi costo - mai una posizione negoziale forte.

Guardando ai precedenti dell'Iran dopo la firma dell'accordo, Trump ritiene che la gestione dell'Iran da parte di Obama non abbia comportato una maggiore autolimitazione da parte di Teheran, ma sia stata percepita a Teheran come un rafforzamento della capacità del loro Stato islamico di espandere più efficacemente influenza e attività in Medio Oriente e nel mondo - che ha confermato il valore delle azioni militanti dell'IRGC e della sua violenta opposizione all'Occidente, assicurando così che l'IRGC raddoppiasse su quella rotta piuttosto che cercare di fare una correzione di rotta. Sia durante i negoziati che dalla firma dell'accordo, l'Iran ha svolto un ruolo sempre più attivo e maligno in diverse località, tra cui la Libia e lo Yemen, in Siria, dove non solo ha sostenuto Assad e contribuito a decine di migliaia di morti civili, ma ha radicato la Quds Force (il ramo delle operazioni speciali dell'IRGC, il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche) e Hezbollah nel paese, nel tentativo di posizionare forze e procuratori iraniani che minacciano di avvicinarsi ai confini di Israele. È stato attivo in America Latina (in particolare in Venezuela), e ha continuato a testare missili balistici in grado di trasportare testate nucleari con una portata sufficiente a minacciare il resto del Medio Oriente, comprese Israele, le basi statunitensi nella regione e persino l'Europa.

L'IRGC aveva sostenuto il JCPOA (senza il sostegno dell'IRGC non sarebbe mai stato firmato da Teheran), probabilmente perché l'IRGC ha scommesso che avrebbe tratto beneficio dalla sua accettazione e firma. A giudicare dal ritmo accelerato e dalla maggiore portata delle attività dell'IRGC dal 2015, avevano ragione. Il JCPOA ha tolto dal tavolo la minaccia di un'azione militare statunitense ha permesso all'IRGC di agire con una mano più libera in tutto il mondo. Il JCPOA ha anche rafforzato lo status e il prestigio dell'IRGC in Iran, con il gruppo in grado di sostenere che la sua opposizione militante agli Stati Uniti aveva dato i suoi frutti con importanti concessioni statunitensi. Il crescente potere dell'IRGC in Iran dopo la JCPOA ha confermato l'Iran in un comportamento conflittuale verso l'Occidente. Inoltre, gran parte delle decine di miliardi di dollari di beni iraniani scongelati e rilasciati da Obama all'Iran sono andati all'IRGC, a Hezbollah, ecc., alimentando le loro attività.

Le azioni di Trump, compresa la sua reimposizione di sanzioni, il suo posizionamento delle basi militari vicino all'Iran, e in particolare la sua designazione dell'IRGC come organizzazione terroristica, mirano a ribaltare la situazione che ha ereditato - per esercitare pressioni sull'IRGC - sia all'interno dell'Iran dimostrando che le sue attività stanno portando una risposta statunitense dura piuttosto che permissiva, sia all'esterno dell'Iran attraverso la designazione dell'entità come organizzazione terroristica, un atto con enormi implicazioni normative, legali e geostrategiche che ha il potenziale per ostacolare gravemente le attività dell'IRGC in tutto il mondo. Cerca anche di indebolire la capacità dell'Iran di minacciare Israele, i suoi vicini arabi, gli Stati Uniti e l'Europa. Le azioni di Trump hanno colpito duramente l'IRGC e il resto del regime iraniano, motivo per cui (oltre al fatto che l'Iran è infastidito dal fatto che l'Europa non ha gestito con successo l'interferenza tra l'Iran e l'Amministrazione Trump come Teheran si aspettava) il regime sta reagendo in modo così aggressivo. In passato un atteggiamento militante ha ottenuto dall'Iran quello che voleva. Sotto Donald Trump non è più così, e questo si è dimostrato frustrante per il regime.

Per quanto riguarda la possibilità di una guerra, Donald Trump non è un presidente che cerca di espandere le attività militari statunitensi in tutto il mondo - è, piuttosto, molto preoccupato per un eccesso di tensione imperiale che drena la forza nazionale americana e, in ultima analisi, non è nell'interesse degli Stati Uniti, quindi una "invasione" non è chiaramente sul radar di nessuno.

Affinché l'attività diplomatica abbia qualche possibilità di successo, tuttavia, soprattutto con uno Stato recalcitrante e sostenitore del terrorismo come quello della Repubblica islamica dell'Iran, l'attività diplomatica deve essere sostenuta da una forte presenza militare e dalla minaccia implicita di un'azione militare. I diplomatici saranno tra i primi ad attestare che, in assenza di una vera forza militare che sostenga la loro diplomazia, tale diplomazia è inutile, soprattutto contro un nemico determinato e implacabile come l'Iran. Ciò significa che i responsabili politici devono essere disposti a proseguire con l'uso della forza, se necessario. Non è solo la minaccia della forza militare che blocca qualsiasi strategia diplomatica per l'impegno con un avversario, ma la minaccia credibile dell'uso di tale forza. Il presidente Trump, mentre sarebbe riluttante ad usare la forza, come dimostra il suo richiamo all'attacco aereo degli Stati Uniti contro l'Iran, che era inteso a reagire alle azioni precedenti dell'Iran, è disposto a farlo se necessario.

Il fatto che qualsiasi strategia diplomatica deve essere sostenuta dalla forza militare per avere successo è riconosciuto anche dall'IRGC, che ha propagandato il JCPOA come prova che gli Stati Uniti sotto Barack Obama sono stati costretti ad adottare un approccio più conciliante alla militanza iraniana, e che l'Iran non aveva bisogno di diventare meno militante nella sua opposizione all'ordine internazionale guidato dagli americani. Al contrario, il successo della diplomazia iraniana, che ha dimostrato il successo della militanza dell'IRGC, ha rafforzato questo comportamento e ha dimostrato che ne sarebbero seguiti altri successi man mano che l'IRGC continuava quella strategia. Il JCPOA ha aggiunto alla legittimità e al prestigio dell'IRGC in patria e in tutto il Medio Oriente.

Quindi, gran parte dei miliardi di dollari che il Tesoro americano sotto la guida di Barack Obama ha dato all'Iran è andato a finanziare l'IRGC e i suoi delegati terroristici all'estero, un fatto che Barack Obama stesso ha ammesso che era probabile che si verificasse. L'IRGC ha raddoppiato le sue attività aggressive in Medio Oriente sulla scia dell'accordo, un fatto che Donald Trump ha notato.

Trump, il segretario di Stato Mike Pompeo e altri nell'amministrazione sono anche consapevoli del fatto che l'Iran è regolarmente riuscito a farla franca con l'aggressività sapendo che l'Occidente non vuole combattere. Teheran non può permettersi un serio confronto militare, ma è consapevole che la riluttanza dell'Occidente a confrontarsi con Teheran ha fino a questo punto dato al regime un netto vantaggio. Ma ora il tentativo dell'Iran di intimidire e ricattare l'Europa si è ritorto contro, e il regime si trova ad affrontare un ambiente difficile e prospettive future ancora più difficili. L'amministrazione cerca ora di aspettare Teheran al varco - Washington può permettersi di attendere gli effetti delle sue sanzioni per portare Teheran al tavolo delle trattative e in modo tale che sia disposta a scendere a compromessi seri piuttosto che a sferrare un attacco preventivo, come ha fatto nel Golfo di Hormuz. Allo stesso tempo, il posizionamento di un numero e tipo crescente di mezzi militari nel quadrante segnala determinazione, agisce come un deterrente, dà a Washington la capacità di reagire se provocato, e darà alla diplomazia statunitense più peso e alla strategia diplomatica degli Stati Uniti maggiori possibilità di successo.

RESTA AGGIORNATO

  • Black Icon LinkedIn
  • Twitter
  • Facebook
  • YouTube
  • Black Icon Instagram
  • Nero RSS Icon

Italia Atlantica - Settimanale di politica estera - Rivista Specialistica - Reg. nr. 55/2019 Trib. Roma​

Direttore Editoriale avv. Giuseppe Pezzulli | Redazione: Via Archimede 8 Roma​