Cerca
  • Italia Atlantica

Le ragioni per un accordo Usa/Uk sui servizi finanziari

Ora che il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno avviato le trattative commerciali, l'attenzione dovrebbe concentrarsi sui benefici che entrambe le parti potrebbero ottenere attraverso un accordo sui servizi finanziari. Collegare i mercati finanziari del Regno Unito e degli Stati Uniti e i loro più ampi ecosistemi nazionali porterebbe un beneficio enorme.

Attraverso un accordo con l’Uk, le aziende e i consumatori Usa possono garantirsi l'accesso più vantaggioso alle offerte finanziarie globali disponibili da Londra, seduti a cavallo dei principali fusi orari del mondo e al servizio dei mercati dall'Asia all'Europa, all'Africa e oltre. D’altro canto, l’Uk guadagnerebbe accesso diretto a una base di clienti Usa senza le barriere della costosa duplicazione della regolamentazione Usa. Le imprese britanniche - in particolare nel suo innovativo settore FinTech - chiedono la possibilità di vendere più facilmente sul mercato Usa. Inoltre, le aziende su entrambe le sponde dell'Atlantico potrebbero operare attraverso presenze meno costose, se ciascuna parte facesse affidamento sull'efficacia della regolamentazione dello Stato di origine dell'altra.

Questa opportunità di cambiamento nelle regole del gioco nasce dal fatto che il Regno Unito e gli Stati Uniti ospitano i principali mercati finanziari globali, Londra e New York, che finora non sono stati collegati da un accordo commerciale. In effetti, al momento essi operano a condizioni di mercato relative.

Eppure sono entrambe sedi di negoziazione dominanti, capaci di ospitare i mercati più liquidi, i prezzi migliori e l’offerta più ampia. Esse prosperano in modo simile, grazie a una combinazione di talento, una sofisticata regolamentazione e un permissivo quadro giuridico di common law, che permette di innovare e allo stesso tempo di identificare e punire i comportamenti scorretti.

Quando il Regno Unito era membro dell'UE, l'ingresso nei due mercati era un premio lontano e irraggiungibile. Le sfortunate trattative commerciali Usa-Ue (TTIP), iniziate nel 2013 ma terminate nel 2016, contenevano un capitolo sui servizi finanziari, ma le discussioni si sono arenate, in parte a causa delle difficoltà di conciliare gli interessi contrastanti all'interno dell'Ue e dell'enorme discrepanza tra le autorità di regolamentazione britanniche e quelle di altri paesi dell'Ue.

Ci sono anche profonde differenze filosofiche tra il sistema operativo di controllo del diritto civile che è alla base di gran parte dell'Ue e l'approccio normativo più laissez faire, ma in ultima analisi più rigoroso, degli Stati Uniti e del Regno Unito. La pericolosa fragilità dell’architettura giuridica semi-strutturata dell'Eurozona ha alimentato gli istinti disfunzionali e la manie di controllo nell'Ue.

Le relazioni tra le autorità di regolamentazione di Stati Uniti e Regno Unito rimangono forti e profonde, ed entrambi i paesi sono ben posizionati per un accordo rapido. Insieme, i due paesi potrebbero controllare l'architettura normativa globale, secondo lo schema della common law.

Nonostante questi evidenti aspetti positivi, alcuni esprimono la preoccupazione che un tale accordo possa dirottare posti di lavoro o liquidità da un capo all'altro. Ma non è così. I mercati finanziari in entrambe le giurisdizioni sono già ipercompetitivi, a vantaggio dei rispettivi clienti, e questo non cambierà.

Il successo dei mercati finanziari deriva dalla profondità del bacino di talento e dalla sofisticazione del sistema operativo sottostante, che in questo caso entrambe le parti possiedono in egual misura.

Dopo Brexit, ci saranno degli aggiustamenti, poiché il Regno Unito organizzerà nuovi metodi di fornitura di servizi alla sua base di clienti Ue, che probabilmente rifletteranno in larga misura l'approccio che adotterà con successo per il resto del mondo, anche se forse con miglioramenti che rifletteranno la storia del Regno Unito all'interno dell'Ue. Ma tali adeguamenti non influenzeranno il modello o le attrazioni di base per il mercato.

I termini di un accordo stabilirebbero una serie di esiti chiave nei servizi finanziari che mantengono ogni mercato al sicuro da una prospettiva di rischio sistemico, lasciando l'altro libero di regolare come meglio crede. L'approccio può essere leggero, concentrandosi solo su ciò che conta. Entrambi i paesi hanno una lunga storia di caveat emptor, almeno nei mercati istituzionali. Entrambi hanno anche sistemi giudiziari e di applicazione delle normative altamente sofisticati che proteggono gli investitori.

Agli investitori Usa che acquistano da fornitori Uk verrebbe detto che possono aspettarsi una protezione da parte del tribunale e del sistema di giustizia del Regno Unito. Ai clienti del Regno Unito e del resto del mondo che operano dal Regno Unito sul mercato Usa verrebbe detto di aspettarsi lo stesso dagli Stati Uniti. Il diritto applicabile deriverebbe esclusivamente dal mercato da cui avvengono le vendite. Ogni mercato si impegnerebbe a trattare i clienti dell'altro allo stesso modo con i propri.

Sono gli esiti regolamentari che dovrebbero essere il punto focale, non le leggi specifiche. Finché le parti collaborano al raggiungimento di risultati normativi concordati, dovrebbe essere possibile consentire alle imprese di fornire servizi finanziari estesi a livello transfrontaliero, evitando la necessità di operare attraverso filiali locali o di duplicare la regolamentazione o la vigilanza. La chiave è il rischio sistemico.

Altre regolamentazioni potrebbero essere ampiamente ignorate, in quanto sono locali al mercato in questione e vi sono tutti gli incentivi per applicarle correttamente al fine di proteggere la reputazione del venditore.

Sia il Regno Unito che gli Stati Uniti hanno sistemi finanziari estremamente flessibili - a differenza dell'Ue e di molte altre parti del mondo. Ora si presenta l'opportunità per il Regno Unito e gli Stati Uniti di creare insieme un enorme mercato finanziario globale e di fissare gli standard normativi globali.

Questa opportunità deve essere colta, per creare un vasto bacino di capitali, di gran lunga il più grande del mondo. Un tale passo imporrebbe il sorgere di mercati liberi e competitivi in tutto il mondo e dimostrerebbe i vantaggi magnetici dell'approccio di common law del Regno Unito e degli Stati Uniti, collaudato, mirato, e favorevole al mercato.


Barney Reynolds

RESTA AGGIORNATO

  • Black Icon LinkedIn
  • Twitter
  • Facebook
  • YouTube
  • Black Icon Instagram
  • Nero RSS Icon

Italia Atlantica - Settimanale di politica estera - Rivista Specialistica - Reg. nr. 55/2019 Trib. Roma​

Direttore Editoriale avv. Giuseppe Pezzulli | Redazione: Via Archimede 8 Roma​